Il glossario dell'igiene

il glossario dell'igiene

GLOSSARIO
Facciamo chiarezza nel nostro vocabolario

 

AGENTE ANTIBATTERICO:


Composto in grado di interferire con la crescita e la moltiplicazione batterica.
Contrariamente al disinfettante, è attivo solo verso batteri metabolicamente attivi.

 

ANTIBATTERICO:


Anche questi farmaci agiscono per sconfiggere la proliferazione dei batteri.
In alcuni tipi di ceppi virali vengono somministrati dei medicinali in grado di uccidere i batteri e di inibirne la crescita, ad esempio i “sulfamidici”, ossia gli “antenati” degli antibiotici. In linea generale, si può rilevare che l’uso di antibatterici comporta una minore probabilità di insorgenza di effetti indesiderati gravi e, per talune tipologie di infezioni, si rivela non solo efficace ma, a volte, preferibile alla terapia antibiotica.

 

ANTIBIOTICO:


I farmaci antibiotici “attaccano” microrganismi vivi, scongiurandone la sopravvivenza ed evitandone la proliferazione.
Essendo preposti a sconfiggere i batteri, gli antibiotici vengono utilizzati per curare particolari tipi di infezioni, e si differenziano tra quelli a “largo spettro”, capaci di contrastare tutti i tipi di batteri, e quelli a “spettro ristretto”, che sono “tarati” per sconfiggere solo determinati tipi di ceppi batterici.
Se ne deduce che tutti gli antibiotici svolgono una funzione antibatterica “radicale”, in quanto riescono a distruggere i batteri e il relativo focolaio di origine.

 

BATTERI:


I batteri sono dei microrganismi formati da una sola cellula, sono più grandi dei virus e sono visibili utilizzando il microscopio ottico. Sono in grado di riprodursi autonomamente nell’ambiente e anche in vari tessuti del corpo umano.
I batteri sono comunemente presenti sulla pelle e sulle mucose, nonché nella nostra flora intestinale, senza provocare danni, anzi la loro presenza è utile per le difese immunitarie. Proprio nel nostro intestino, questi sono chiamati commensali e il loro insieme è chiamato microbiota.
Altri tipi di batteri, definiti patogeni, invece, possono essere aggressivi e danneggiare i tessuti e gli organi.
Le infezioni batteriche possono essere curate con gli antibiotici ma, per la diversa sensibilità che i diversi tipi di batteri possono avere nei confronti di questi farmaci, la terapia deve essere prescritta dal medico sulla base del risultato di test microbiologici.

 

IGIENE:


La definizione che l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) fornisce è:
“L’igiene è la disciplina che si occupa della promozione, del mantenimento e del potenziamento dello stato di salute, inteso come una condizione di benessere fisico, psichico e socio-ambientale.”
Interessante notare come, non rappresenti più una condizione di sola assenza di malattie, ma che il concetto di tutela della salute abbia assunto nel tempo il significato di una continua ricerca di equilibrio tra un corpo e una mente sani e una società e un ambiente egualmente sani.

 

INFEZIONE:

 

Si parla di infezione quando microrganismi, come batteri, funghi o virus penetrano e si moltiplicano nell’organismo.
Per generare un’infezione il microrganismo deve:

    1. oltrepassare le barriere esterne dell’organismo (la pelle o le mucose)
    2. essere patogeno (ossia capace di produrre danni all’organismo)
    3. essere presente in quantità sufficiente da superare le difese naturali organiche.

    Il microrganismo che provoca l’infezione può penetrare nell’organismo attraverso diverse vie e la trasmissione può essere diretta o indiretta.

     

    MICRORGANISMO:


  1. Il termine “microrganismo” indica un gruppo di esseri viventi dalle dimensioni estremamente ridotte (nell’ordine del milionesimo di metro), di solito formati da una sola cellula, che possono essere divisi principalmente in quattro gruppi: batteri; virus; funghi e muffe; lieviti.
    Le parole “MICROBO” e “GERME” sono sinonimi di “microrganismo”: indicano la stessa cosa.

    VACCINO:


  2. Un vaccino è una preparazione artificiale costituita da agenti dannosi per l’organismo, opportunamente trattati, somministrata con lo scopo di fornire un’immunità.
    Questa pratica, denominata anche vaccinazione o vaccinoprofilassi, è in grado di sfruttare attivamente la memoria del sistema immunitario, consentendo al corpo di sviluppare un sistema di difesa contro un batterio, un virus o altro microrganismo ancor prima di venire a contatto con esso.

    VIRUS:


  3. I virus sono dei microorganismi estremamente piccoli, visibili solo al microscopio elettronico, costituiti da materiale genetico racchiuso in un involucro di proteine e, spesso, anche in una membrana più esterna costituita da grassi e proteine.
    I virus sono in grado di riprodursi da soli, ma possono farlo esclusivamente all’interno delle cellule dei tessuti dell’organismo che li ospita, causandone la distruzione.
    La resistenza dei virus nell’ambiente è estremamente bassa, anche se alcuni virus, ad esempio alcuni virus respiratori, possono sopravvivere a lungo.
    I virus possono infettare le persone per via aerea, alimentare, attraverso rapporti sessuali o attraverso insetti; possono causare sintomi a carico di diversi apparati, ad esempio dell’apparato respiratorio, digerente o urogenitale o a livello sistemico, qualora si diffondano in tutto l’organismo.
    L’approccio più efficace per le molte malattie virali sono le vaccinazioni, in grado di indurre una protezione immunitaria nell’ospite.

Come lavare correttamente le mani

usare il sapone

Utilizza sempre il sapone.

usare il sapone

Applicalo su entrambi i palmi e strofinali insieme al dorso per almeno 40-60 secondi.

lavarsi le mani

Risciacqua bene sotto un getto d’acqua corrente tiepido-calda.

asciugarsi le mani

Asciuga bene le mani, meglio con
un asciugamano di carta monouso.